L'Iran rompe l'accordo nucleare del 2015


Internazionale /

L'Iran ha violato gli accordi nucleari stabiliti nel 2015 con l'aiuto dell'allora presidente americano Barak Obama. L'informazione è arrivata al Wall Street Journal attraverso un rapporto confidenziale dell'agenzia atomica delle Nazioni Unite che dice che l'Iran, secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica, ha prodotto una piccola quantità di uranio metallico in un impianto nucleare vicino alla regione di Isfahan.

L'Iran su un nuovo corso per quanto riguarda l'energia nucleare

L'Agenzia internazionale per l'energia atomica ha detto che l'Iran sta producendo metallo di uranio non arricchito dal 6 febbraio e che l'impianto nucleare è sotto ispezione da parte dell'agenzia.

Ciò che è allarmante in questa situazione è che, fondamentalmente, l'uranio può essere usato per formare il nucleo di un'arma nucleare. Tuttavia, per fare questo, l'uranio deve essere altamente arricchito e in questo caso si trattava di produzione di uranio naturale.

Perché l'Iran possa usare questo uranio per creare armi nucleari, avrebbe bisogno di produrre circa mezzo chilogrammo di metallo di uranio altamente arricchito.

Questo è avvenuto per due motivi: per generare pressione sul gabinetto di Joe Biden per revocare le sanzioni economiche e a causa di una legge approvata il 1° dicembre 2020 nel parlamento iraniano che ha preoccupato vari gruppi diplomatici.

Leggi approvate

In pratica, la legge approvata dagli iraniani sosteneva che il paese poteva iniziare a produrre uranio entro 5 mesi. Oltre a questo, l'Iran ha già fatto passi in violazione dell'accordo nucleare.

D'altra parte, Biden, che è a tre settimane dall'entrata in carica come presidente degli Stati Uniti, ha dovuto affrontare la crisi economica e sanitaria che la pandemia ha causato.

In risposta alle dichiarazioni del governo iraniano, Biden ha detto che poteva cancellare le sanzioni solo se gli iraniani avessero prima accettato di rispettare la loro parte dell'accordo nucleare.